I più bei sonetti

dei grandi Poeti de Roma: Trilussa, Belli e Pascarella!


Le migliori poesie in dialetto romanesco di Stefano Procacchia, Domenico Procacchia e Anna Maria Strina.
Sonetti, recensioni e premi. Le raccolte in vendita.
Un omaggio di cultura sul web ai grandi Trilussa, Belli e Pascarella.

Dal 28 Gennaio 2002 sei il visitatore N°



Naviga nel sito con i
collegamenti qui sotto.


HOME

Li Sonetti de Noantri

Trilussa, Belli e Pascarella

I Nostri Libri

Chi Siamo

AUDIO-SONETTI

I Luciani

Michele Vajuso

L'Anfiteatro Flavio, detto Colosseo






Sonetto audio: Cesare Pascarella - Er morto de campagna

voce di Antonio Mencarini
per ascoltare il sonetto audio si deve consentire la attivazione di activex e script quando appare la barra di protezione in alto.




"Me spojo der sobrabbito italiano
e mostro l'abbituccio romanesco:
me sento sciorto, libbero e più fresco
si sfoggio stile e animo nostrano"


(Stefano Procacchia)




TRILUSSA        



Er grillo zoppo

Ormai me reggo su ‘na cianca sola.
- diceva un Grillo – Quella che me manca
m’arimase attaccata a la cappiola.
Quanno m’accorsi d’esse priggioniero
col laccio ar piede, in mano a un regazzino,
nun c’ebbi che un pensiero:
de rivolà in giardino.
Er dolore fu granne… ma la stilla
de sangue che sortì da la ferita
brillò ner sole come una favilla.
E forse un giorno Iddio benedirà
ogni goccia de sangue ch’è servita
pe’ scrive la parola Libbertà!-



Er pappagallo scappato

Lei me chiamò e me fece: - Salvatore,
er pappagallo ieri scappò via
perché nu’ richiudeste er coridore;
eccheve er mese, e fòr de casa mia. -

Te pare carità, te pare core,
pe’ ‘na bestiaccia fa’ ‘sta bojeria,
mette in mezz’a ‘na strada un servitore
che deve portà er pane a la famìa?…

Ma io so tutto: er fatto der tenente,
le visite a Firenze ar maresciallo,
la balia a Nemi… e nun ho detto gnente.

Percui stia attenta a lei, preghi er su’ Dio,
chè se me manna via p’er pappagallo
vedrà che pappagallo che so’ io!



Er pensiero

Qualunque sia pensiero me viè in mente
prima de dillo, aspetto e, grazzi’a Dio,
finchè rimane ner cervello mio
nun c’è nessuno che me po’ di’ gnente.

Ma s’opro bocca e je do fiato, addio!
L’idea, se nun confifera la gente,
me po’ fa’ nasce qualche inconveniente
e allora er responsabile so’ io.

Per questo, ner risponne a quarche amico
che vorebbe sapè come la penso,
peso e misuro tutto quer che dico.

E metto tra er pensiero e la parola
la guardia doganale der bon senso
che me sequestra er contrabbanno in gola.



Un carzolaro che se fida

- Doppo avè messo le scarpette ar piede
m’ha dato un cento. – Eh, dico, nun ciò er resto...
- Bè’- dice – cammio e torno, faccio presto...-
Ma già è passato un quarto e nun se vede!

Io che dovevo fà? Come succede,
j’ho detto: - Oh vadi puro, in quanto a questo.-
Nun so’ ito a pensà ch’era un pretesto
pe’ truffà un poveraccio in bona fede!

Abbasta: io mò telefeno in questura;
nun se ponno sbajà: cià la pajetta,
li pantaloni blu, la giacca scura...

Uh! zitto, che ritorna... apre la porta...
- Riverito, signore... ih, quanta fretta!
Me li poteva dare un’antra vorta!



In pizzo ar tetto

In cima in cima ar tetto, indove vanno
a facce er nido tante rondinelle,
ce so’ du’ finestrelle, tutto l’anno
incorniciate da le campanelle.

In mezzo a ognuna de ‘ste finestrelle,
tra li vasi de fiori che ce stanno,
c’è ‘na furcina co’ le cordicelle
dove c’è sempre steso quarche panno

Prima, da ‘ste finestre sott’ar tetto,
Nina cantava: Me so’ innamorata...
mentre stenneva quarche fazzoletto.

Ma mò ha cammiato musica e parole;
adesso canta: Ah, tu che m’hai lassata!...
E stenne fasciatori e bavarole.



L’onestà de mi’ nonna

Quanno che nonna mia pijò marito
nun fece mica come tante e tante
che doppo un po’ se troveno l’amante...
Lei, in cinquant’anni, nu’ l’ha mai tradito!

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito
che je voleva fa’ lo spasimante
je disse: - V’arigalo ‘sto brillante
se venite a pijavvelo in un sito.-

Un’antra, ar posto suo, come succede,
j’avrebbe detto subbito: - So’ pronta.-
Ma nonna, ch’era onesta, nun ciagnede;

anzi je disse: - Stattene lontano...-
Tanto ch’adesso, quanno l’aricconta,
ancora ce se mozzica le mano!



Ira
da Li sette peccati

Lidia, ch’è nevrastenica, è capace
che quanno litigamo per un gnente
se dà li pugni in testa, espressamente
perché lo sa che questo me dispiace.

Io je dico: - Sta’ bona, amore mio,
ché sennò te fai male, core santo... -
Ma lei però fa peggio, infino a tanto
che quarchiduno je ne do pur’io.



Favole

Pe’ conto mio la favola più corta
è quella che se chiama Gioventù:
perché... c’era una vorta...
e adesso non c’è più.

E la più lunga? E’ quella de la Vita:
la sento raccontà da che sto ar monno,
e un giorno, forse, cascherò dar sonno
prima che sia finita...



Er cammeriere indeciso

Devi sapè che l’antra settimana
er signor duca ha dato ‘na gran festa,
che je costata un occhio de la testa
per via che cià la moje americana.

Ma la cosa più buffa è stata questa:
du’ signorine e una signora anziana
staveno a sede sopra un’ottomana
come se nun ciavesserola vesta

Ecco che la signora, doppo er ballo,
m’ha detto: - C’è mi’ fija che vo’ un tè
un po’ allungato ma piuttosto callo... -

Io j’ho risposto: - Subbito, eccellenza!
Ma su’ fija, s’è lecito, qual’è?
quella co’ le mutanne o quella senza?



Bolla de sapone

Lo sai ched’è la Bolla de Sapone?
l’astuccio trasparente d’un sospiro.
Uscita da la canna vola in giro,
sballottolata senza direzzione,
pe’ fasse cunnalà come se sia
dall’aria stessa che la porta via.

Una farfalla bianca, un certo giorno,
ner vede quela palla cristallina
che rispecchiava come una vetrina
tutta la robba che ciaveva intorno,
j’agnede incontro e la chiamò: - Sorella,
fammete rimirà! Quanto sei bella!

Er celo, er mare, l’arberi, li fiori
pare che t’accompagnino ner volo:
e mentre rubbi, in un momento solo,
tutte le luci e tutti li colori,
te godi er monno e te ne vai tranquilla
ner sole che sbrilluccica e sfavilla.-

La bolla de Sapone je rispose:
- So’ bella, sì, ma duro troppo poco.
La vita mia, che nasce per un gioco
come la maggior parte de le cose,
sta chiusa in una goccia... Tutto quanto
finisce in una lagrima de pianto.



Er sogno bello

I

- Macchè! – je disse subbito er dottore -
Qui nun se tratta mica d’anemia!
E’ gravidanza, signorina mia:
soliti incertarelli de l’amore! -

Pe’ Mariettina fu ‘na stretta ar core:
- So’ rovinata! Vergine Maria!
Madonna santa, fate che nun sia!
Nun potrei sopportà ‘sto disonore! -

Ma appena vidde ch’era proprio vero
corse da Nino. – Nun è gnente! – dice -
Se leveremo subbito er pensiero.

Ce vo’ la puncicata. Domattina
te porto da ‘na certa levatrice
che già l’ha fatto a un’antra signorina. -

II

La sera Mariettina agnede a letto
coll’occhi gonfi e con un gnocco in gola,
e s’anniscose sott’a le lenzola
pe’ piagne zitta, senza da’ sospetto.

Poi pijò sonno e s’insognò un pupetto
che je diceva: "Se te lascio sola,
povera mamma mia, chi te consola
quanno t’invecchierai senza un affetto?"

E, sempre in sogno, je pareva come
se er fijo suo crescesse a l’improviso
e la baciava e la chiamava a nome...

Allora aperse l’occhi adacio adacio
e s’intese una bocca, accanto ar viso,
che la baciava co’ lo stesso bacio.

III

Era la madre. – Mamma, mamma bella! -
E se la strense ar petto. – Amore santo!
Che t’insognavi che parlavi tanto
e facevi la bocca risarella?

Però ciai l’occhi come avessi pianto...
Dimme? che t’è successo? – E pe’ vedella
più mejo in faccia, aprì la finestrella
e fece l’atto de tornaje accanto.

S’intese un fischio. – Mamma! questo è lui
che sta aspettanno sotto l’arberata...
Dije che vada pe’ li fatti sui.-

Anzi faje capì che se l’onore
se pò sarvà con una puncicata
preferisco de dajela ner core.



L’omo e la scimmia

L'Omo disse a la Scimmia: - Sei brutta, dispettosa:
ma come sei ridicola! ma quanto sei curiosa!
Quann'io te vedo, rido: rido nun se sa quanto!...
La Scimmia disse: - Sfido! T'arissomijo tanto!



L'Incontentabbilità

Iddio pijò la fanga dar pantano,
formò un pupazzo e je soffiò sur viso.
Er pupazzo se mosse a l'improvviso
e venne fòra subbito er cristiano

ch'aperse l'occhi e se trovò ner monno
com'uno che se sveja da un gran sonno.
- Quello che vedi è tuo - je disse Iddio
e lo potrai sfruttà come te pare:

te do tutta la Terra e tutt'er Mare,

meno ch'er Celo, perché quello è mio...
- Peccato! - disse Adamo - È tanto bello...
Perché nun m'arigali puro quello?



La lumaca

La Lumachella de la Vanagloria,
ch'era strisciata sopra un obbelisco,
guardò la bava e disse: - Già capisco
che lascerò un'impronta ne la Storia.








Giuseppe Gioacchino BELLI        



Er giorno der giudizzio

Quattro angioloni co’ le tromme ‘n bocca
Se metteranno uno pe’ cantone
A ssonà: poi co’ tanto de vocione
Cominceranno a dì: "Fôra a chi ttocca".

Allora vierà ssù ‘na filastrocca
De schertri da la terra a pecorone,
Pe’ ripijà ffigura de perzone,
Come purcini attorno de la bbiocca.

E ‘sta bbiocca sarà Dio bbenedetto,
Che ne farà ddu’ parte, bianca, e nera:

Una pe annà in cantina, una sur tetto.

All’urtimo uscirà ‘na sonaijera
D’angioli e, come si ss’annassi a letto,
Smorzeranno li lumi, e bbona sera.



Er caffettiere fisolofo

L'ommini de sto monno sò l'istesso

Che vaghi de caffè ner macinino:
C'uno prima, uno doppo, e un'antro appresso,

Tutti quanti però vanno a un distino.

Spesso muteno sito, e caccia spesso

Er vago grosso er vago piccinino,
E ss'incarzeno tutti in zu l'ingresso
Der ferro che li sfraggne in porverino.

E l'ommini accusì viveno ar monno
Misticati pe mano de la sorte
Che sse li gira tutti in tonno in tonno;

E movennose oggnuno, o ppiano, o fforte,
Senza capillo mai caleno a fonno
Pe cascà ne la gola de la morte.



L’aducazzione

Fijo, nun ribbartà mai tata tua:
Abbada a tte, nun te fà mette sotto.
Si quarchiduno te viè a dà un cazzotto,
Lì callo callo tu dajene dua.

Si ppoi quarcantro porcaccio da ua
Te ce facessi un po' de predicotto

Dije: "De ste raggione io me ne fotto:
Iggnuno penzi a li fattacci sua".

Quanno giuchi un bucale a mora, o a boccia,
Bevi fijo; e a sta gente buggiarona
Nun gnene fà restà manco una goccia.

D'esse cristiano è ppuro cosa bona:
Pe questo hai da portà ssempre in zaccoccia
Er cortello arrotato e la corona.



La bona famija

Mi' nonna, a un'or de notte che viè ttata
Se leva da filà, povera vecchia,
Attizza un carboncello, ciapparecchia,
E maggnamo du' fronne d'inzalata.

Quarche vorta se famo una frittata,
Che ssi la metti ar lume ce se specchia
Come fussi a ttraverzo d'un'orecchia:
Quattro noce, e la cena è terminata.

Poi ner mentre ch'io, tata e Crementina
Seguitamo un par d'ora de sgoccetto,
Lei sparecchia e arissetta la cucina.


E appena visto er fonno ar bucaletto,
'Na pisciatina, 'na sarvereggina,
E, in zanta pace, ce n'annamo a letto.



La scerta

Sta accusì. La padrona cor padrone,
Volenno marità la padroncina
Je portonno davanti una matina,
Pe sceje, du' bravissime perzone.

Un de li dua aveva una ventina
D'anni, e du' spalle peggio de Sanzone;
E l'antro lo diceveno un riccone
Ma aveva un po' la testa cennerina.

Subbito er giuvinotto de quer paro
Se fece avanti a dì: "Sora Lucia,
Chi volete de noi? parlate chiaro".

"Pe dilla, me piacete voi e lui",
Rispose la zitella; "e ppijerìa

Er cicio vostro e li quadrini sui".



Er confessore

Padre... -- Dite il confiteor. -- L'ho detto. --
L'atto di contrizione? -- Già l'ho ffatto. --
Avanti dunque. -- Ho detto cazzo-matto
A mi' marito, e j'ho arzato un grossetto. --

Poi? -- Pe una pila che me róppe er gatto
Je disse for de me: "Si' maledetto";
E è cratura de Dio! -- C'e altro? -- Tratto

Un giuvenotto, e ce sò ita a letto. --

E lì cosa è successo? -- Un po' de tutto.--
Cioè? Sempre, m'immagino, pel dritto. --
Puro a riverzo... -- Oh che peccato brutto!

Dunque, in causa di questo giovanotto,
Tornate, figlia, con cuore trafitto,
Domani, a casa mia, verso le otto.



Er voto

Senti st'antra. A Ssan Pietro e Marcellino
Ce stanno certe moniche befane,
C'aveveno pe voto er contentino
De maggnà ttutto-quanto co le mane.

Vedi si una forchetta e un cucchiarino,
Si un cortelluccio pe ttajacce er pane,

Abbi da offenne Iddio! N'antro tantino
Leccaveno cor muso com'er cane!

Pio Ottavo però, bona-momoria,
Che vedde una matina quer porcaro,
Je disse: "Madre, e che vò dì sta storia?

Sete state avvezzate ar monnezzaro?!
Che voto! un cazzo. A dio pò dasse groria

Puro co la forchetta e cor cucchiaro".



La creazzione der monno

L'anno che Gesucristo impastò er monno,
Ché pe impastallo già c'era la pasta,
Verde lo vorze fà, grosso e ritonno,
All'uso d'un cocommero de tasta.

Fece un zole, una luna e un mappamonno,
Ma de le stelle poi dì una catasta:
Su ucelli, bestie immezzo, e pesci in fonno:
Piantò le piante, e doppo disse: "Abbasta".

Me scordavo de dì che creò l'omo,
E coll'omo la donna, Adamo e Eva;
E je proibbì de nun toccaje un pomo.


Ma appena che a maggnà l'ebbe viduti,
Strillò per dio con quanta voce aveva:
"Ommini da vienì, sete futtuti"



Er companatico der Paradiso

Dio doppo avé creato in pochi giorni
Quello che c'è de bello e c'é de brutto,
In paradiso o in de li su' contorni
Creò un rampino e ciattaccò un presciutto.

E disse: "Quella femmina che in tutto
Er tempo che campò nun messe corni,
N'abbi una fetta, acciò non magni asciutto
Er pandecèlo de li nostri forni".

Morze Eva, morze Lia, morze Ribbecca,
Fino inzomma a ttu' moje a man'a mano,
Morzeno tutte, e ppijele a l'inzecca.

E ttutte quante cor cortello in mano
Quando furno a ttajà feceno cecca:
Sò sseimil'anni, e quer presciutto è sano.



Le chiamate dell'appiggionate

"Sora Sabbella". "Ehe". "Sora Sabbella,
Affacciateve un po' su la loggetta".
"Eccheme; che volete sora Betta?".
"Ciavete una piluccia mezzanella?".

"Cio' quella de la marva". "Ah, no, no quella".
"Eh, nun cio' antro, fija benedetta".
"Be', imprestateme dunque un fil d'erbetta,
Un pizzico de spezzie e una padella"...

"Mo' ve la calo giu' cor canestrino".
"Dite, e me date uno spicchietto d'ajo,
Un po' d'onto e una lagrima de vino?".

"Ma famose a capi', sora Bettina,
A poc'a poco voi, si nun me sbajo,
Me sparecchiate tutta la cucina".




L’inciciature

Che scenufreggi, sciupi, strusci e sciatti!
Che sonajera d’inzeppate a secco!
Igni botta, peccrisse, annava ar lecco:
soffiamio tutt’e dua come du’ gatti.

L’occhi invetriti peggio de li matti:
sempre pelo co’ pelo, e becc’a becco.
Viè e nun vienì, fà epija, ecco e nun ecco;
e daje, e spigne, e incarca, e strigni e sbatti.

Un po’ più che durava stamio grassi!
Ché doppo avè finito er giucarello
restassimo intontiti come sassi.

E’ un gran gusto er fragà! ma pe godello
più a ciccio, ce vorìa che diventassi
Giartruda tutta sorca, io tutt’ucello.



La sposa

Eppuro avanti a te, core mio bello,
sibbè che sana nun me ciài trovata,
gnisunantro m’ha fatto er giucarello:
e ècchete la cosa com’è annata.

Un giorno in d’un ortaccio a Marmorata,
pe curre appresso a un maledett’ucello
scivolo: un pass’in farzo, una scosciata,
’na distrazzion de nerbi..., ecco er fraggello!

Pe fatte vede che nun so’ bucìe,
te dico che fu tanta la pavura,
che m’agnedeno via le cose mie.

Eppoi me pare ‘na caricatura
sto sano o rotto, e ste cojonerie:
io ciò er bucio? e tu er cazzo che l’attura.



Le donne de qui

Nun ce sò donne de gnisun paese
che pòssino stà appetto a le romane
ner confessasse tante vorte ar mese
e in ner potesse dì bone cristiane.

Averanno er su’ schizzo de puttane,
spianteranno er marito co le spese;
ma a divozione poi, corpo d’un cane,
le vederai ‘gnisempre pe le chiese.

Ar monno che je danno? la carnaccia
ch’è un saccaccio de vermini; ma er core
tutto a la Chiesa, e je lo dico in faccia.

E pe la santa Casa der Signore
è tanta la passione e la smaniaccia,
che ce vanno pe fà sino a l’amore.



Le du’ mosche

Tu sta’ attenta a le mosche, Nastasìa,
mentr’una nun se move e una cammina,
che ammalappena questa j’è vicina,
je zompa su la groppa e tira via.

Accusì è la cumprisione mia:
ch’io vedenno una femmina, per dina!,
si nun je do una bona incarcatina
me parerebbe d’esse in agonia.

Lo sa l’Urion de Monti s’io ce tiro,
e lo pò dì co tutta la raggione
ch’io so’ la mosca che va sempre in giro.

E istesso lo sa tutta la Caserma
de Cimarra, che tu drent’a l’Urione
sei l’antra mosca che sta sempre ferma.









Cesare PASCARELLA        



Li pajacci

Si me ce so’ trovata, sor Ghetano?
Quanno vennero giù stavo lì sotto.
Faceveno er trapeso americano:
quanno quello più basso e traccagnotto,

facenno er mulinello, piano piano,
se mésse sur trapeso a bocca sotto,
areggenno er compagno co’ le mano.
Mentre stamio a guardà, tutt’in un botto

se rompe er filo de la canoffiena,
punfe! cascorno giù come du’ stracci.
Che scena, sor Ghetano mio, che scena!

Li portorno via morti, poveracci!
Sur sangue ce buttorno un po’ de rena,
e poi vennero fòra li pajacci.

canoffiena: altalena



L’allustrascarpe filosofo

So’ trent’anni che fo sta’ professione
e ancora, graziaddio, nun so’ mai morto:
so’ vecchio; ar camminà, cammino storto,
eppure, sarv’ognuno sto benone.

La notte me rintano in d’un portone;
e la mattina appresso, quanno sòrto,
Omina bona mea mecume porto
e me rimetto qui su ‘sto cantone.

Si abusco, quer ch’abusco me lo magno;
si nun abusco, e me succede spesso,
me fumo quattro mòzze e nun me lagno.

Ma si l’incasso supera er valore
de quello che me serve, er giorno appresso
chiudo bottega e vado a fa’ er signore.



Li principii

Diceva bene Checco a l’osteria:
“Ogni omo deve avécce er suo pensiero”.
Pensi bianco? Si un antro pensa nero,
rispetteje er pensiero e cusì sia.

Vor di’, si te ce trovi in compagnia,
je pòi di’: — Tu te sbaji... Nun è vero... —
Ma, sempre semo lì, vacce leggero,
perché ar monno, ce vo’ filosofia.

E scrivetelo drento a la ragione,
che fra l’omo e er principio cambia aspetto.
Io defatti, si in quarche discussione

trovo che di’ co’ quarche giovenotto,
quello che sia principio lo rispetto,
ma quello che sia omo lo scazzotto.



‘Na predica de mamma

L’amichi? Te spalancheno le braccia
fin che nun hai bisogno e fin che ci hai;
ma si, Dio scampi, te ritrovi in guai,
te sbatteno, fio mio, la porta in faccia.

Tu sei giovene ancora, e ‘sta vitaccia
nu’ la conoschi; ma quanno sarai
più granne, allora te n’accorgerai
si a ‘sto monno c’è fonno o c’è mollaccia.

No, fio mio bello, no, nun so’ scemenze
quer che te dice mamma, ‘sti pensieri
tiètteli scritti qui, che so’ sentenze;

che ar monno, a ‘sta Fajola d’assassini,
lo vòi sapè chi so’ l’amichi veri?
Lo vòi sapè chi so’? So’ li quatrini.


fonno: fondo solido - mollaccia: terreno fangoso
Fajola: bosco nel comune di Velletri, ritenuto dal popolo di Roma come ritrovo di briganti



Er cortello

Ar mio, sopra la lama ch’è rintorta
c’è stampata ‘na lettra còr un fiore;
me lo diede Ninetta che m’è morta,
quanno che me ce méssi a fa’ l’amore.

E quanno la baciai la prima vorta,
me disse: — Si m’avrai da da’ er dolore
de dimme che de me nun te n’importa,
prima de dillo sfonnemece er core. —

E da quer dì che j’arde el lanternino
davanti a la crocetta ar camposanto,
lo porto addosso come un abitino.

E si la festa vado a fa’ bisboccia,
si be’ che ci abbi’ tanti amichi accanto,
er mejo amico mio ce l’ho in saccoccia.



Er terno

Ecco er fatto. Lo prese drent’al letto,
dove stava in campagna in un casino;
je sigillò la bocca còr cuscino,
e j’ammollò ‘na cortellata in petto.

Dunque, ferita all’undici; ce metto
uno, er giorno; quarantatré, assassino:
vado giù da Venanzio er botteghino
ar Popolo e ce butto un pavoletto.

A l’estrazione, sabeto passato,
ce viè l’ambo; ma invece de ferita
m’esce settantadue: morto ammazzato.

Ma guarda tante vorte er Pedreterno
come dà la fortuna ne la vita!
Si l’ammazzava ce pijavo er terno.

pavoletto: mezza lira



La corsa delle bighe a Villa Borghese

ER VINCITORE


Quann’agnedi da la deputazione,
a pijà la corona e la bandiera,
avevi da sentì che sonajera
d’applausi e si che straccio d’ovazione!

E, intanto che passavo, le persone
(che de gente Dio sa quanta ce n’era!),
me tiraveno addosso mele, pera,
sigheri, fiori e cocce de limone.

E io vestito da antico romano,
co’ la corona d’oro su la fronte,
me facevo er mi’ giro piano piano.

Stavo sur carro come er re Fetonte;
co’ l’érmo in testa, co’ la frusta in mano.
Parevo tale e quale Orazio ar ponte.



ER PERDITORE


So’ ‘rivato seconno, so’ ‘rivato!
Subito, che li possino ammazzalli,
me diedero du’ capre pe’ cavalli,
come avevo da fa’, Cristo beato?

Fu un miracolo si nun so’ restato
a mezza strada. Avevi voja a aizzalli;
ma gnente! Avevi voja de sterzalli,
d’abrivalli... Macché! Tempo buttato.

Io pe’ me je lo dissi ar mi’ padrone:
fatemi ‘sta finezza, sor Mardura,
co’ ‘sti pianforti nun me fate espone.

E lui gnente. Ma intanto la figura
chi l’ha fatta co’ la popolazione?
Me viè’ da piagne’ come ‘na cratura!

pianforte:ronzino













IL TUO GIUDIZIO, UN TUO SUGGERIMENTO, UNA TUA IDEA, O ANCHE SOLO LA TUA FIRMA CI FARANNO PIACERE. Se vuoi, puoi dire la tua cliccando qui sotto ed entrando nel GUESTBOOK (libro degli ospiti).
Per visitare i commenti degli altri utenti, clicca sul tasto "Vedi il Libro degli Ospiti"; per firmare o scrivere un Tuo commento clicca il tasto "Firma il Libro degli Ospiti".



[ Visita il Libro degli Ospiti (View Guestbook) ]

[ Firma il Libro degli Ospiti (Sign Guestbook) ]



Contattaci per giudizi, collaborazioni, idee, acquisto volumi anche in singole unità, all'indirizzo: procacchia@tiscali.it
oppure al 392 3252777












Scambio Banner