UN CALOROSO BENVENUTO AI NOSTRI NUOVI PARROCI,

E IN PARTICOLARE A MONS. PAOLO BRIDA,

NUOVO PARROCO, PREVOSTO E VICARIO FORANEO ...

 

FINALMENTE È FINITA !!!

Io, e penso molti altri, abbiamo pensato questo, mentre partecipavamo alla Messa di ingresso dei nuovi Parroci !!!

Dopo un interminabile periodo di attesa, i nostri nuovi Parroci Mons. Paolo Brida e Don Simone Vigutto

hanno finalmente fatto il loro ingresso ufficiale in Parrocchia e Forania e,

penso possiamo e dobbiamo proprio dirlo,

difficilmente avrebbero potuto ricevere un miglior benvenuto,

e soprattutto a Rivignano, che tanto anelava a una vera guida spirituale ...

Il pomeriggio di Domenica 07 Febbraio 2010, in un Duomo strapieno come in rare occasioni,

con numerosissimi concelebranti (a dire il vero, comunque, non tutti casulati),

in una liturgia solenne e completa (ad eccezione del mancato canto dell'Agnus Dei, probabilmente a causa di un mero disguido),

dall'alto della Sede Prepositurale e Foraniale (forse, in effetti, un po' troppo alta,

anche se io amo la Sede centrale, e anche il Santissimo laterale, nel transetto del Duomo,

in una posizione che, da che Duomo è Duomo, lo fa anche dialogare con la Madonna e la Confessione)

la nuova Amministrazione Parrocchiale, oltretutto, non risparmiava ringraziamenti,

e neppure pareva nascondere un certo orgoglio per il prestigio della Sede che ricopre

(noi siamo tra quelli che andiamo fieri della nuova e sgargiante mozzetta monsignorile del nuovo Vicario Foraneo;

nella speranza, oltretutto, che Mons. Brida ci sia, sotto sotto, riconoscente, visto che senza di noi non sarebbe mai arrivato,

e anche in considerazione del fatto che, se farà bene, sarà anche grazie a questo nostro pressing) ...

Anche al successivo rinfresco, il nuovo Prevosto non si è certo sottratto al benvenuto della folla

(unico neo: la presenza, tra le Autorità sebbene non più in carica,

di un noto politico varmese, che inneggiava a squarciagola al nuovo Prevosto di Rivignano,

sebbene, in passato, non avesse certo operato in un senso favorevole alla piena comunione foraniale,

facendo leva sul trattino di questa Forania più come a un elemento di separazione che di unione nelle rispettive peculiarità;

evidentemente, sembra proprio essersi convertito anche lui sulla via di Damasco; bene, ne prendiamo atto !) ...

Per non distrarsi da questioni maggiormente ecclesiastiche e per fare un paragone con il nostro recente passato,

molti si ricorderanno certamente il precedente ingresso di coloro che meriterebbero una vera e propria damnatio memoriae,

ingresso in cui Rivignano è stato pugnalato alla schiena con una predica d'attacco su misteriosi campanilismi,

e il successivo rinfresco, interrotto a metà dal ritorno a casa - Pocenia - da parte dei nuovi Parroci ...

Probabilmente questo faceva parte di quel "rompere gli schemi" con cui ci hanno salutati solo qualche settimana fa,

senza riflettere sul fatto che, al giorno d'oggi, nell'attuale situazione di grave decadenza della Chiesa,

"rompere gli schemi" significa di fatto seguire la più rigida tradizione …

Guardando all'ultima liturgia di ingresso, possiamo dire: chi ben comincia è già a metà dell'opera …

E, lo ripetiamo, se la musica (è proprio il caso di dirlo!) cambierà ... sarà anche grazie a questo sito ...

Mons. Brida e il giovane ma pacato Don Vigutto hanno acceso moltissimo entusiasmo e aspettative …

Ora avranno l'arduo compito di non deludere ciò che hanno suscitato ...

In particolare, pur riconoscendo ai nuovi arrivati il dovuto tempo di inserimento nelle nostre comunità,

come abbiamo già anticipato, vigileremo, guardando solo al bene della Chiesa, su alcuni punti, e in particolare:

es. la cura di tutte le Parrocchie interessate, in quanto riteniamo (a differenza di quello che altri tramarono altrove),

che sia necessario trovare un giusto equilibrio tra Centro Foraniale e tutte le altre Parrocchie e Comunità,

il primo degno di un'attenzione tutta particolare, anche per la sua specifica identità individuale,

le seconde aventi comunque diritto a vivere, nei limiti del possibile, di completa vita propria ...

es. il ripristino del tradizionale svolgimento della Celebrazione delle Via Crucis e del Venerdì Santo,

su cui abbiamo scritto un'intera rubrica e insistiamo molto, data la prossimità dell'impegno ...

es. l'uso del Lezionario Festivo Friulano, che non avrebbe sfigurato in occasione dell'ingresso:

se il nostro popolo ha un lezionario scritto nella nostra "marilenghe" e approvato dalla Santa Sede,

non si capisce per quale oscuro motivo debba ammuffire in Sacrestia

(invece di venire usato, come non è, quantomeno nelle feste più legate al nostro territorio),

magari ritenendo erroneamente che usarlo implichi una presa di posizione incondizionata ...

a favore di tutto quello che era il pensiero del grande (ma allo stesso tempo, su alcuni temi, da prender con le pinze) Bellina ...

Questo Sacerdote ha fatto moltissimo per il friulano e il suo ruolo fu senz'altro decisivo,

anche perché aveva la rara dote di dire apertamente quel che pensava senza mandarle a dire a nessuno,

ma da riconoscere questo indiscutibile fatto storico ad approvare tutto il suo pensiero,

spesso in totale contrasto con la dottrina cattolica, ce ne vuole ...

In ogni caso, riteniamo che, da colui che cantò il Vangelo in Friulano al cospetto del Papa,

quando peraltro il Lezionario Friulano non era ancora stato approvato,

e dal Segretario dell'Arcivescovo che ha tanto insistito con la CEI sull'approvazione del Messale,

riteniamo sia il minimo sindacale pretendere almeno una lettura nella nostra lingua,

almeno in occasione delle ricorrenze aquileiesi o comunque legate alla nostra terra,

Santi Ermacora e Fortunato e San Lorenzo in primis ...

es. l'attuazione concreta ed effettiva, sia nella testata sia nella distribuzione, del tanto atteso Bollettino Foraniale,

uno strumento ormai indispensabile per riuscire a tener vicino alla Chiesa tante persone con così pochi ministri:

un bollettino che dedichi spazi a tutte le Parrocchie e Comunità della Forania aiuterebbe moltissimo,

sia a livello di partecipazione dei fedeli, sia a livello di coesione foraniale,

e soprattutto per superare il "muro" costituito, secondo certe concezioni campanilistiche, dalla SP "Ferrata";

comprendiamo che si tratta di un progetto non realizzabile da un giorno all'altro,

ma l'esperienza ci ha insegnato che, quando c'è volontà politica, si riesce a fare questo e anche di più;

in ogni caso, l'ultimo bollettino, che censurava quasi del tutto il varmese, non era certo un passo avanti in tal senso ...

es. come sopra scrivevo, la musica, in Duomo e sul suolo consacrato, deve cambiare !!!

senza eccezioni, concessioni, aggiustamenti o accomodamenti vari ...

bisogna abbandonare l'abuso, che genera solo attriti e divisioni, per stringere nuove relazioni positive,

fondate su di una comunione generazionale tra giovani e meno giovani che trasmetta continuità ecclesiastica,

grazie ai potenti mezzi di trasmissione culturale e cristiana che, nel nostro contesto sacro rivignanese,

sono costituiti da organo, gregoriano, polifonia e Perosa PUNTO E BASTA

PER DIRLA CHIARAMENTE: il coretto deve abbandonare qualsiasi velleità liturgica,

per convertirsi in un vero coro di pueri e juvenes cantores, come ve ne sono molti in altri paesi della Forania,

e senza venir oltretutto posto in antitesi con altri e paritari servizi liturgici, che sono quelli dei ministranti !!!

QUESTI PUNTI, E ANCHE ALTRI CHE ORA VI RISPARMIO, SONO IRRINUNCIABILI

Finchè non avremo solide garanzie su questi problemi, non potremo mai abbassare la guardia,

e anzi (pur a malincuore) non esiteremo a uscire, anche duramente, se necessario,

visto che questi punti non presentano difficoltà di alcun genere,

e anzi dovrebbero rientrare nella assoluta normalità, consolidata e indiscutibile, condivisa da tutti ...

In conclusione possiamo fare un bilancio:

è verosimile aspettarsi che la nuova amministrazione faccia bene,

o almeno meglio della precedente (cosa, quest'ultima, che, comunque, non sarebbe poi molto difficile);

tuttavia, come ho già scritto, riteniamo giusto prenderci anche noi molti meriti, su questo cambiamento ...

La storia di questo sito dimostra che tacere, assecondare, pazientare, privilegiare buone relazioni,

nella Chiesa (così come nella vita civile) porta solo morte e umiliazione;

ribellarsi, reagire, contrastare, fare CASINO, ti può salvare la vita,

perché chi ha il potere è forte con i deboli e debole con i forti ...

 

INFINE UNA CHICCA:

una sintesi della bella Messa di ingresso dei nuovi Parroci

(canti, foto, giornali e quant'altro)

si trova sul bel sito www.natisone.it,

cliccando sul link "biel lant a Messe pal Friûl" e

cercando la Messa del 07 Febbraio 2010 in Duomo a Rivignano ...

ANDATE A VEDERE, PERCHÈ MERITA DAVVERO !!!

 

Nuovi sviluppi

home